CORTINARIUS PRAESTANS

Denominazione: CORTINARIUS PRAESTANS Gillet 1874
Genere e specie:Cortinarius praestans
Classe:Basidiomiceti
Ordine:Agaricales
Famiglia:Cortinariaceae
Nomi italiani: Cortinario imponente, Cortinario prestante.
Cappello:5(10-20)30 cm; bruno scuro, violaceo-cioccolato o lilla-cenerino specie nel margine solitamente striato; massiccio e carnoso, inizialmente sferico, poi convesso-involuto e sempre più largo, con cuticola liscia e un po’ vischiosa. 
Imenio: costituito da lamelle annesse al gambo, fitte, grigio-biancastre-lillacine, poi rugginose.
Gambo: fino a 25×6 cm; biancastro, tozzo, inizialmente panciuto poi più allungato e con bulbo portentoso, con base attenuata e radicata, ricoperto da residui fioccosi imponenti di velo generale e di cortina.
Carne:spessa e soda, biancastra nel cappello e nel bulbo, mentre può essere azzurrino-violetto sul gambo; odore e sapore abbastanza gradevoli.
Habitat: boschi di latifoglie, soprattutto faggio, su suolo calcareo.
Altitudine:da 800 a 1800 m s.l.m.
Periodo crescita:estate – autunno.
Caratteri distintivi:la sua forma, l’aspetto imponente ed il colore lo rendono inconfondibile da altre specie dello stesso genere, tra le quali alcune mortali (Cortinarius orellanus, Cortinarius speciosissimus e Cortinarius splendens).    
Commestibilità:Buono